Vi racconterò un’altra volta di Mauritius.
Questa è la storia di un’amicizia nata a Mauritius, 8 donne, che più diverse non potrebbero essere, ma che si sono rivelate i pezzi di un puzzle che si incastrano uno dopo l’altro, creando un’alchimia perfetta, che non si sfalda al ritorno con le solite promesse che si perdono nella quotidianità, ma che si rivela quel filo di seta di cui parla Elisa, che nasce nel profondo e che in questo caso non si è spezzato.

Serena, la sottoscritta, abituata a mescolare profili che possano funzionare tra loro, pronta a intervenire con sedute di psicoterapia di gruppo (perché Freud in alcuni casi è sempre un valido alleato), a provare a tenersi in equilibrio tra situazioni e richieste che spesso portano a grandi scoperte, e che per una volta ha abbassato la guardia sentendosi libera di non dover per forza rimanere intrappolata in un ruolo che spesso non la lascia intravedere.
Simona, già una grande amica, una di quelle che anche se non vedi mai c’è sempre: incontenibile, travolgente, ancora alla ricerca di se stessa: in realtà ha già trovato quello che cerca, ma continua ad essere combattuta da quel terribile ‘vorrei…’ che lascia in sospeso, in attesa che sicuramente prima o poi succederà qualcosa che farà avverare se non tutti, almeno una parte dei tuoi desideri.
Sandra: sapevo che saremmo diventate amiche, era già stato scritto, avevamo bisogno solo di una piccola spinta. La sua parola d’ordine è ‘muoro!’ Una donna che racchiude qualcosa che non ha ancora rivelato ma che si sente forte, e lo dimostra: imbattibile, una sorta di fortino, con un cuore di cioccolato fondente. Fabiana, un elfo del bosco capace di diventare una guerriera che affronta i draghi  senza armatura. Avevamo paura che fosse così lontana da non poterla vedere quanto avremmo voluto, e invece sta arrivando con il suo amore, per iniziare una nuova vita, una nuova avventura, qui vicina a noi!
Carlotta, una sorta di piccolo cameo, una forza della natura ‘contenuta’, ma pronta a travolgerci rivelando quell’aria da ‘maschiaccio’ che a noi piace così tanto.
Sara e Helis, le cyber girl, Roma e Brasile shakerati in un cocktail esotico a cui abbiamo dovuto aggiungere solo l’ombrellino.
E infine Susanna, la saggia del gruppo, così fragile e così forte, la guardi e capisci come la vita possa mettercela tutta per piegarti, senza riuscirci: donne come Susanna non si arrendono mai.

IMG_1158IMG_1159IMG_1167IMG_1237IMG_1244IMG_1248IMG_1252IMG_1331